Lucio Dalla: tre anni senza l’artista bolognese

Lucio DallaSono trascorsi tre anni da quando Lucio Dalla ci ha lasciati a causa di un improvviso malore la sera dopo il suo concerto a Montreaux, in Svizzera. L’artista, che il prossimo 4 marzo avrebbe compiuto 72 anni, è stato uno dei cantautori più influenti del secolo scorso insieme a De AndrèGuccini, De Gregori, Vecchioni, con cui si è esibito in duetti e tournèe (tranne con il cantautore genovese).

La carriera artistica di Dalla è stata segnata anche da collaborazioni collaborazioni internazionali come con Ray Charles e Michael Petrucciani, entrambi grandi esponenti del Jazz, genere di cui il cantautore bolognese è stato un profondo estimatore fin da giovanissimo. Tra i successi a firma di Lucio Dalla: 4/3/1943 (originariamente Gesù Bambino, ma modificato in seguito), Piazza GrandeCaruso, Come fanno i marinai (con De Gregori), L’anno che verrà, Anna e Marco, Attenti al Lupo, Disperato Erotico Stomp, FuturaCara ecc.

Dopo la sua morte si aprirono le polemiche sulla sua eredità, che fu divisa tra suoi cugini, senza considerare il compagno Marco Alemanno dal momento che non aveva ancora scritto il suo testamento e quindi venne escluso per legge. Il 4 Marzo 2014 nacque la Fondazione Lucio Dalla per volere dei cugini ed entro la fine dell’anno si prospetta anche l’apertura della Casa Museo, nell’abitazione bolognese dell’artista.

La scomparsa improvvisa di Lucio Dalla è stata una perdita soprattutto per quella musica italiana d’autore, carica di significato e capace di rimanere immortale negli anni, che si contrappone a quella più “scarna” delle nuova generazione di artisti che sempre più spesso propongono canzoni decisamente discutibili da molti punti di vista e capaci di rimanere impresse nella memoria degli ascoltatori soltanto per una stagione (quando va bene).

“…ma sì, è la vita che finisce ma lui non ci pensò poi tanto anzi si sentiva già felice e ricominciò il suo canto” (Lucio Dalla, Caruso, 1986)

video: LUCIODALLAVEVO

 

Fonte foto: http://www.discografie.org/wp-content/uploads/2013/02/lucio-dalla.jpg

Antonello Ciccarello

Nato e cresciuto in Sicilia, ho avuto da sempre il pallino della scrittura. Laureato nel 2012 in ‘Giornalismo per Uffici Stampa’ presso l’Università degli studi di Palermo e nel 2014 in ‘Giornalismo e Cultura Editoriale’ presso l’Università degli studi di Parma, durante la mia carriera universitaria ho collaborato con alcune testate a taglio generico. Ho deciso di creare questo blog per condividere con il popolo del web i miei pensieri e, anche se non tutti li troveranno condivisibili, spero che queste pagine possano essere uno spunto di riflessione sul mondo e (non solo) sulle sue brutture.

Please follow and like us:
20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *